domenica 20 settembre 2020    Registrazione  •  Login
 
   
 
   
   
   
 
 
 Ordinanza N°28 Riduci

 

Stemma_Acquarica.JPG

COMUNE DI ACQUARICA DEL CAP0
(Provincia di Lecce)
STATO DI GRAVE PERICOLOSITA' PER GLI INCENDI BOSCHIVI
NELLA REGIONE PUGLIA VALIDA PER L’ANNO 2008
ORDINANZA N° 28
IL SINDACO

PREMESSO che in agro di questo Comune, sono presenti molti terreni coltivati a seminativo e pertanto più soggetti a rischi incendio di sterpaglia, soprattutto i terreni direttamente a contatto con il centro urbano e relative aree di interfaccia già segnalate alla Prefettura di Lecce attraverso il Piano di Emergenza Comunale;
RILEVATO che la soluzione del problema della sicurezza di tutte le zone a rischio di incendio, è stata spesso sollecitata dalla Regione Puglia - Assessorato all'Agricoltura e Foreste - nonché dalla Prefettura di Lecce;
CONSIDERATO che per ovviare ai suddetti pericoli si consiglia ai proprietari e/o conduttori dei terreni agricoli di usare tutti gli accorgimenti atti a contrastare l’evoluzione degli incendi;
VISTA la nota prot. n° 43/2008 Area V Protezione Civile della Prefettura di Lecce del 18 aprile 2008, avente come oggetto "Previsione e prevenzione incendi boschivi - anno 2008;
VISTO l'art. 54 del D. Leg. n°. 267/00;
VISTA la legge n° 47 del l° marzo1975;
VISTO il Decreto del Presidente della G.R. n° 64 del 29 febbraio 2008 avente ad oggetto "Dichiarazione dello stato di grave pericolosità per gli incendi boschivi valida per l'anno 2008 ai sensi della legge n° 353 del 21 novembre 2000 e della L.R. n° 18 del 30 novembre 2000".
ORDINA
in esecuzione di quanto dichiarato dalla Regione Puglia - Settore di Protezione Civile con Decreto del Presidente della  Giunta Regionale n° 64 del 29 febbraio 2008 ad oggetto:
"LO STATO DI GRAVE PERICOLOSITA' DI INCENDIO PER
TUTTI  I TERRITORI BOSCATI  DELLA REGIONE PUGLIA"

in particolare per il periodo 15 giugno – 15 settembre 2008
    è fatto divieto a tutta la cittadinanza di:
- Lasciare incolti e abbandonati i terreni nelle vicinanze di aree boscate e nelle immediate vicinanze del   
  centro urbano e lungo le sedi viarie;
- Bruciare sui campi la vegetazione spontanea infestante;
- Fumare, gettare fiammiferi, sigari o sigarette accese e compiere ogni altra operazione che possa   
  creare comunque pericolo mediato o immediato di incendio;
- Accendere fuochi di ogni genere, compresi quelli di pic-nic o campeggio, fatte eccezione per le    
  aree appositamente attrezzate e regolarmente autorizzate;
- Far brillare mine o usare esplosivi;
- Usare apparecchi a fiamma od elettrici per tagliare metalli;
- Usare motori o inceneritori che producono faville o brace;
- Tenere in esercizio fornaci, discariche pubbliche e/ private;
- Abbandonare rifiuti nei boschi o in discariche abusive.
Si richiama altresì l'attenzione ai proprietari ed ai conduttori a qualsiasi  titolo di terreni seminativi, confinanti con le aree boschive e nelle immediate vicinanze del centro urbano e lungo le sedi viarie, sull'osservanza di quanto concerne la bruciatura delle stoppie, consentita solo a condizione che lungo il perimetro delle superfici interessate sia tracciata, subito dopo le operazioni di mietitura, una "fascia protettiva" per una estensione direttamente confinante con aree fabbricate, sedi viarie ed aree boscate per una larghezza non inferiore a dieci metri e, comunque, tale da assicurare che il fuoco non si propaghi alle aree circostanti e/o confinanti.
I contravventori alla presente ordinanza saranno puniti a norma di legge.
La Polizia Municipale, e ogni altro cui spetti, sono incaricati di vigilare sulla stretta osservanza della
presente ordinanza.
dalla residenza municipale, 3 giugno 2008                        
                                                                                                  IL SINDACO
                                
                                                                                             (dott. Carlo ROVITO)


 Stampa